La manutenzione dei sensi - Franco Faggiani

Titolo: La manutenzione dei sensi • Autore: Franco Faggiani • Editore: Fazi • N.pagine: 250 • Anno di pubblicazione: 2018 • Copertina flessibile € 16,00 • Ebook € 7,99

TRAMA
A un incrocio tra casualità e destino si incontrano Leonardo Guerrieri, vedovo cinquantenne, un passato brillante e un futuro alla deriva, e Martino Rochard, un ragazzino taciturno che affronta in solitudine le proprie instabilità. Leonardo e Martino hanno origini ed età diverse, ma lo stesso carattere appartato. Il ragazzo, in affido temporaneo, non chiede, non pretende, non racconta: se ne sta per i fatti suoi e non disturba mai.
Alle medie, però, a Martino, ormai adolescente, viene diagnosticata la sindrome di Asperger.
Per allontanarsi dalle sabbie mobili dell’apatia che sta per risucchiare entrambi, Guerrieri decide di lasciare Milano e traslocare in una grande casa, lontana e isolata, in mezzo ai boschi e ai prati d’alta quota, nelle Alpi piemontesi.
Sarà proprio nel silenzio della montagna, osservando le nuvole in cielo e portando al pascolo gli animali, che il ragazzo troverà se stesso e il padre una nuova serenità. A contatto con le cose semplici e le persone genuine, anche grazie all’amicizia con il burbero Augusto, un anziano montanaro di antica saggezza, padre e figlio si riscopriranno più vivi, coltivando con forza le rispettive passioni e inclinazioni.
Una storia positiva è al centro di questo romanzo che trabocca di umanità e sensibilità autentiche e che contiene una riflessione sul labile confine che divide la normalità dalla diversità.
Un romanzo sul cambiamento, la paternità, la giovinezza, in cui padre e figlio ritroveranno la loro dimensione più vera proprio a contatto con la natura, riappropriandosi di valori irrinunciabili come la semplicità e la bellezza.


Ci sono romanzi che irrompono nelle nostre giornate, travolgendoci in un turbinio di emozioni, e ci sono romanzi che entrano in punta di piedi, ci accompagnano discretamente e rimangono lì, in un angolino del cuore. "La manutenzione dei sensi" appartiene a questa seconda categoria, una lettura che mi ha portata sulle Alpi piemontesi e mi ha fatto respirare l'atmosfera di pace e serenità che solo la montagna sa dare.
Franco Faggiani, con una scrittura fluida, semplice ma curata racconta la storia di Leonardo Guerrieri,  della sua vita con Chiara, la moglie, caratterizzata dai ritmi frenetici della Milano che lavora, e della sua vita dopo Chiara, quando tutto sembra aver perso senso.
Leonardo rimane vedovo improvvisamente e si lascia prendere dallo scoramento, scivola in uno stato di apatia dal quale niente riesce a riscuoterlo, nemmeno la figlia Nina che non sopporta più di vederlo aggirarsi per casa svuotato da ogni emozione. Fino al giorno in cui lei prende la situazione di petto, si presenta da Leonardo con Martino, un bambino di dieci anni ospite di un orfanotrofio, dicendogli che ha deciso di dargli una famiglia, di prenderlo in "affido temporaneo". Martino è un bimbo "strano", dalla spiccata intelligenza, che non ama il contatto fisico, né la presenza di gente intorno, al quale viene diagnosticata la sindrome di Asperger. Nonostante Leonardo sia consapevole di quanto ogni cambiamento per Martino sia un trauma difficile da superare, decide di abbandonare la vita di città per trasferirsi in montagna ed è qui che inizia la sua seconda vita, tra i rumori ovattati dei sentieri innevati dove padre e figlio faranno delle lunghe passeggiate silenziose, tra l'alternarsi delle stagioni e dei piccoli e grandi cambiamenti che portano con sé e le lezioni che la montagna impartisce ai suoi abitanti: "imparare a fare, ma anche a fare senza".
A fare da collante fra i due, un personaggio meraviglioso, Augusto, un vecchio montanaro che somiglia ad entrambi nel bastare a sé stesso e che farà loro trovare il giusto equilibrio tra il bisogno di solitudine e la necessità di sentirsi parte di una famiglia.

"La gente va e viene, per necessità, per dovere, per istinto. L'importante non è il tempo che rimane, ma quello che ci ha lasciato in testa dopo essere andata via."

Un romanzo che tratta tanti temi, la famiglia, l'amicizia, la depressione, la convivenza con la sindrome di Asperger, il senso di appartenenza, e lo fa in modo delicato ma incisivo; un romanzo che fa riflettere ma anche sorridere, negli scambi di battute tra Martino e Augusto.
Una lettura piacevole come un abbraccio sincero e ringrazio Fazi Editore per avermi dato l'opportunità di leggerlo, fornendomi la copia digitale.



CONVERSATION

7 commenti:

  1. Buongiorno!
    Leggerò molto presto questo libro che mi attira molto, la trama mi incuriosisce parecchio e sin da quando ho visto questa bellissima copertina ho deciso che sarebbe stato una delle mie prossime letture. Fazi sta facendo davvero delle belle cose, ultimamente (o forse le ha sempre fatte e io me ne sto accorgendo solo ora).
    I libri di montagna mi piacciono tanto, e ultimamente "Le otto montagne" mi ha "stregato" (ah ah faccio anche i giochi di parole). Non vedo l'ora di dedicarmi a Faggiani.
    Un abbraccio da Eva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fazi sta pubblicando veramente bei titoli e questo merita decisamente di essere letto.
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Uh, dovrebbe arrivarmi presto. Non vedo l'ora, ché dopo Cognetti io e le montagne ci stiamo più simpatici. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michele.
      Io Cognetti non l'ho letto perché mi dà l'idea di essere troppo malinconico per le mie corde. Passerò a leggere la tua recensione di questo romanzo e se ci troverai affinità con le otto montagne, magari avrò motivo di ricredermi ;)

      Elimina
  3. Voglio leggerlo assolutamente, Cognetti mi ha fatto innamorare della montagna, e questo romanzo, anche grazie alla tua recensione, mi attira tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robi!
      Questo è un romanzo che penso ti piacerà molto. Poi ci confronteremo ;)

      Elimina
  4. Deve essere un bel libro visto la recensione Stefy . Lo segno

    RispondiElimina

Back
to top