Paper Magician - Charlie N. Holmberg

Trama: Ceony Twill, giovane e talentuosa allieva dell'accademia di magia Tagis Praff, sta finalmente per cominciare l'apprendistato che la legherà per tutta la vita all'elemento magico che ha sempre desiderato. Eppure, contrariamente a quanto sognava, il suo destino non sarà scritto nel metallo ma sulla carta. Tra fogli che si animano dando vita a personaggi incredibili e storie fantastiche che la lasceranno a bocca aperta, toccherà allo stravagante mago Emery Thane convincerla delle qualità straordinarie di un elemento così delicato e allo stesso tempo prodigioso. Così, quando Lira, malvagia praticante di arti magiche proibite, priverà il maestro del suo cuore, Ceony per tenerlo in vita gliene confezionerà uno di carta, per poi volare sulle ali di un enorme aeroplanino all'inseguimento della perfida maga, verso un'avventura che porterà alla luce i ricordi più lontani e i segreti più taciuti, nascosti nell'angolo più remoto dell'anima. 

Titolo: Paper Magician
Autore: Charlie N. Holbmberg
Casa editrice: Fanucci
Anno edizione:  2015
Pagine: 219



C'è un termine che in questo libro non viene mai scritto o menzionato ed è ORIGAMI. La magia della piegatura della carta è questo. Quando me ne sono resa conto mi sono quasi emozionata e ho avuto la sensazione meravigliosa che questo libro mi avesse cercata, che parlasse a tutti sì, ma soprattutto a me. Altro di tipo di magia che un bravo scrittore riesce a compiere: ti sussurra nelle orecchie facendoti credere che quelle sono parole per te, scritte e pensate per rivelarti qualcosa. Da anni mi divido tra due grandi passioni: i libri e la carta. Passioni intellettuali e sensoriali e posso dire di conoscere la magia di una piegature ben riuscita, del ripetere ancora e ancora i passaggi per costruire un fiore kusudama o una stella modulare. Sogno soffitti pieni di uccellini di carta ed areoplanini che sospesi, volano. Carta e parola scritta fuse insieme creano strani effetti, forse fanno realizzare i desideri. Non fosse così perchè scriveremmo infinite note sui post it e non solo note della spesa, ma frasi lette nei libri, incoraggiamenti, moniti e parole d'amore? Perchè ci crediamo: la parola sulla carta prende vita e si incarna.
La Holbmberg ha avuto un'idea geniale e ha scritto un fantasy originale e coinvolgente. La riluttanza della protagonista a legarsi alla carta non fa che dare la certezza al lettore che invece la carta, nella sua apparente fragilità, sarà uno strumento versatile e potentissimo. Mago Thane, il mentore di Ceony, nella prima parte del libro le svelerà parte di questa magia. All'improvviso un evento drammatico e sanguinoso cambierà bruscamente il ritmo degli eventi e Ceony si troverà a dover affrontare una prova durissima, un viaggio dentro i segreti del suo maestro, nel tentativo di salvarlo dalla crudeltà di  Lira, ex moglie del mago poi diventata un'escissionista crudele e sanguinaria, che esercita la magia nera sulla carne. Ceony combatterà con la sua arma: risme ordinate di carta quadrata e rettangolare contrapposte al sangue utilizzato da Lira. I vostri piedi ad un certo punto poggeranno su un pavimento piuttosto vivo e scivoloso e subentrerà una sensazione di claustrofobia, dalla quale evaderete su un areoplanino di carta. Questo e altro vi aspetta. Se posso trovare un piccolo difetto nel libro lo individuo nel ritmo troppo serrato; l'origami richiede tempo, così come tempo richiedono i sentimenti per svilupparsi, mentre Ceony quasi all'improvviso scoprirà di avere acquisito competenze e certezze in ambedue i campi. D'altra parte, trattandosi di un fantasy, sono maggiormente disposta a chiudere un occhio su questo aspetto poco verosimile.
Vedremo negli altri due libri come si evolverà la storia, se la magia rimarrà intatta, nel libro e nel lettore. Una trilogia andrà valutata nel suo insieme, ma questo primo libro l'ho letto con grandissimo piacere e ve lo consiglio.
Voto: 3.5


CONVERSATION

17 commenti:

  1. Come sono contenta che ti sia piaciuto!! Io l'ho adorato, finalmente qualcosa di diverso e particolare ;)

    RispondiElimina
  2. Letti tutti e tre e mi sono molto piaciuti, specialmente questo fantasy che ha un che di gotico al suo interno. Certo Ceony non mi è molto simpatica non tanto in questo libro ma negli altri due è un crescendo di poca simpatia. Un po' troppo supponente però ciò non toglie niente al libro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio curiosa di scoprire il seguito, compresa la crescente antipatia di Ceony. In questo romanzo non ha interagito moltissimo con gli altri personaggi. Vedremo, o meglio....leggeremo.
      ;-)
      Ciao Patrizia.
      Lea

      Elimina
  3. Un po' della magia del romanzo si è insinuata anche nella tua recensione, cara Lea. Nelle parole che hai inanellato per parlare di questo romanzo. Non ho una particolare propensione verso il fantasy però sento che questo potrei leggerlo :) Grazie della bella lettura! Un abbraccio, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, ho apprezzato molto l'uso del verbo inanellare. Mi hai lusingata.
      :)
      Lea

      Elimina
  4. Wow Lea, posso fare qualche lezioni sugli origami con te? Il libro non fa per me quindi non lo leggerò, ma mi hai fatta sognare di addormentarmi su un letto di fiorellini e un cielo stellato, rigorosamente di carta scritta!!!! Ti abbraccio, maga della carta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe molto fare gli origami insieme a te, magari parlando di libri!
      Grazie dei complimenti Cuore.
      Lea

      Elimina
  5. Sai tutto circa la situazione attuale, quindi non prometto di leggerlo a breve ma lo segno per momenti migliori.
    Lea passione origami mi piace.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero veramente arrivino momenti migliori anche per te: qui (nel mio momento attuale) è pieno di bei libri e non mi basta il tempo, ma di voglia ed entusiasmo sono abbondantemente provvista.
      Buona notte Cecilia.
      Lea

      Elimina
  6. Eccomi! come sai il fantasy non è esattamente il mio genere, ma la tua recensione è così piena di magia..che quasi quasi ci provo! Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un fantasy ogni tanto non fa male cara Tessa! La magia è sempre nella carta ;-)
      Lea

      Elimina
  7. io ho adorato questo libro. Mi veniva voglia di usare la piegatura con tutto, ho avuto le tue stesse sensazioni per la carta. A differenza tua però l'unico difetto che ho trovato è la lentezza iniziale, ihihi. Secondo me il secondo e il terzo sono ancora migliori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Chiara, siamo all' opposto riguardo a lentezza/ velocità, ma il libro è piaciuto ad entrambe. A breve leggerò il secondo.
      :)
      Lea

      Elimina
  8. Oh Lea mi era sfuggita questa recensione! Anzi, più che recensione è qualcosa come un incantesimo di parole e cuore. Già dalla foto che campeggia colorata appena apri la pagina del post non si può che restare senza fiato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tuo commento, cara Rosa, è sempre un' emozione!
      Un bacio da Lea

      Elimina

Back
to top