Turno di notte - Giovanna Zucca

Trama: Per questa nuova indagine, tornano il commissario Loperfido e la giovane assistente Luana Esposito, già protagonisti di Ässassinio all’Ikea. La coppia, sempre sul punto di scoppiare per il travagliato legame sentimentale che li unisce e per le consuete divergenze di natura investigativa al lavoro, deve scoprire cos’è successo a un’infermiera misteriosamente scomparsa al termine del suo turno pomeridiano al Policlinico Fatebenesorelle di Padova. Stefania Cantalamessa non è tornata a casa per via di una storia d’amore clandestina o qualcuno ha deciso di farla sparire per coprire azioni illecite compiute all’interno dell’ospedale? I piccoli e grandi segreti della provincia italiana sono al centro del romanzo di Giovanna Zucca, che stavolta concentra la sua attenzione su quanto accade dietro le quinte e nei corridoi di un prestigioso nosocomio, dove sogni di carriera di medici senza scrupoli si intrecciano alla malizia di giovani infermiere e loro colleghe in età, sempre a caccia di avventure. 

Titolo: Turno di notte
Autrice: Giovanna Zucca
Casa editrice: Fazi
Anno pubblicazione: 2016
Pagine: 190 

RECENSIONE: In questo nuovo giallo di Giovanna Zucca tornano i protagonisti che hanno animato la precedente storia: le due amiche Erminia e Anna Laura e l'improbabile coppia formata dal commissario Loperfido e dalla focosa ispettrice Luana Esposito. La scomparsa dell'infermiera del turno di notte di un ospedale, Stefania Cantalamessa, è il punto di partenza per un'indagine che vede Luana come investigatrice, mentre Loperfido resta nell'ombra. Il commissario, che si reputa troppo anziano rispetto alla giovane collega, è  terrorizzato dai propri sentimenti e per evitare di rendersi ridicolo, e allontanare il sospetto di ogni coinvolgimento emotivo, si concede molte (sciocche) avventure. Luana reagisce a suo modo, tra insulti e provocazioni e dialoghi esilaranti con il microcane di Loperfido, Diablo, che nel romanzo è dotato del dono della favella o forse è solo la voce della coscienza, il grillo parlante di Loperdifo.
Con la sua consueta ironia Giovanna Zucca ci accompagna in viaggio turistico a Padova, per le vie cittadine, negli ambienti bene, nei dietro le quinte della vita di medici ed infermieri. Non punta mai il dito, ma il quadro che ne esce è quello di una vita di provincia intessuta di ipocrisia, di inganni, di matrimoni di convenienza e di affetti fintamente esibiti, ma labili.
Grande e reale è invece l'amicizia che lega Erminia e Anna Laura, qui protagoniste marginali, ma portatrici del messaggio più bello contenuto nel romanzo. La Zucca mette in scena, contrapposta alla falsità di tanti rapporti, questa amicizia incrollabile tra due donne forti che non indugiano in sentimentalismi, ma guardano e amano la vita per quella che è. La vita le metterà alla prova e loro reagiranno compatte, mai stucchevoli e sempre, sempre indomite e allo stesso tempo fragili. Diversi i passaggi che ho sottolineato, ma fra tutti vi segnalo il credo di Erminia:

"Alcune persone non credono in niente dalla nascita. Altre hanno il vizio di credere. Io sono una di queste. Ho sempre creduto in qualcosa: nell'amicizia con Anna Laura, nel potere dell'istruzione, nella letteratura e nel fatto che dietro la materia esista un progetto cosciente. Credo nel potere salvifico della poesia e nel suo edificio ornamentale. Credo nella malinconia che altro non è che la felicità di sentirsi tristi e credo che una messa in piega ben fatta sia in grado di mutare una giornata"

Io credo invece, oltre al potere della messa in piega e a quello salvifico della letteratura, che Giovanna Zucca sappia scrivere con gran scioltezza ed ironia di amicizia, di amore, di sesso (leggere per credere) e di quanto si possa vivere di luoghi comuni per poi liberarsene con una scrollata di spalle e una risata.
Riassumendo: un libro che si legge tutto d'un fiato, che scorre fluido e gradevolissimo, con un intrigo giallo che è poco più di un pretesto per parlare delle miserie umane e riderci su, ma senza acredine. 
Ringrazio Fazi per avermi spedito l'ebook: è stata la prima volta che un editore mi ha cercata e non il contrario. Non sono particolari che si dimenticano.
Voto: 3,5 






CONVERSATION

18 commenti:

  1. Spero di riuscire a leggere presto qualcosa di questa autrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me più di tutti era piaciuto Mani calde.
      ciao da Lea

      Elimina
  2. Mi intriga! sai che io sono nata a Padova? e mio papà si era trasferito là per lavorare in ospedale! Mamma e papà mi raccontano spesso i retroscena dell'ambiente :)

    RispondiElimina
  3. Prima o poi leggerò qualcosa della Zucca, magari recupero il primo ;) Ciao Lea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu dovresti leggere quello su Jane Austen (ma prima lo leggo io e poi ti dico).
      Ciao Cecilia.

      Elimina
    2. Della presunta relazione tra zia Jane e il medico sapevo già (vedi Jane Austen Regrets), quindi non m'ispira, ma attendo tue notizie :)

      Elimina
  4. Il genere giallo, anche se non lo bazzico molto, quando lo leggo mi appaga parecchio, tanta verità che se ben scritta e miscelata alla storia è un connubio perfetto.
    Ultimamente ne sto recuperando parecchi, in più in questo si ride, notevole devo dire. Complimenti a Fazi perché ti ha scelta, come sempre hai argomentato convincendo e anche per le pubblicazioni che si discostano dal solito tran tran.
    Bacio Lea ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre gentilissima Cuore! La Zucca è veramente una scrittrice versatile. Io ti consiglierei però il primo libro "Mani calde" che mi è piaciuto più di tutti gli altri.
      Lea

      Elimina
  5. bello il nuovo vestitino del blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho fatto niente putroppo! Tutto merito di Stefi e delle due Laure. Ciao Chiara.
      Lea

      Elimina
  6. Mi era piaciuto tanto Mani calde.
    Ho letto Assassino all'ikea non mi è dispiaciuto, questo invece sì. Ho fatto fatica a finirlo. Ero infastidita dai rapporti fra i due poliziotti e anche le due amiche, in questo libro mi sono sembrate stucchevoli. Peccato, mi è simpatica la Zucca ma questo libro non ha mantenuto le promesse, per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco cosa intendi, eppure l'autrice continua a non deludermi ...anche se forse come prossimo libro spero in una storia non legata a questa serie. Ora devo leggere quello su Jane Austen per avere il quadro completo.
      Grazie di essere passata.
      Lea

      Elimina
    2. Quello su Jane Austen l'ho iniziato e abbandonato. Forse gli darò un'altra possibilità.
      Vi leggo sempre ma sono una che commenta poco. Ciao e grazie per le recensioni che leggo con piacere!

      Elimina
  7. Non ho ancora letto niente di questa autrice, ma dalla tua recensione mi sembra interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io consiglio sempre di recuperare il primo libro Mani Calde che non solo era piaciuto a me, ma anche a tutte le amiche alle quali lo avevo prestato. Poi ...è piaciuto così tanto che non è più tornato. I rischi del mestiere.
      ;-)
      Lea

      Elimina

Back
to top