Central Park - Guillaume Musso


TRAMA      New York. Otto del mattino. Alice, una giovane poliziotta di Parigi, e Gabriel, pianista jazz americano, si svegliano ammanettati tra loro su una panchina di Central Park. Non si conoscono e non ricordano nulla del loro incontro. La sera prima, Alice era a una festa sugli Champs-Elysées con i suoi amici, mentre Gabriel era in un pub di Dublino a suonare. Impossibile? Eppure... Dopo lo stupore iniziale le domande sono inevitabili: come sono finiti in una situazione simile? Da dove arriva il sangue di cui è macchiata la camicetta di Alice? Perché dalla sua pistola manca un proiettile? Per capire cosa sta succedendo e riannodare i fili delle loro vite, Alice e Gabriel non possono fare altro che agire in coppia. La verità che scopriranno finirà per sconvolgere le loro vite.
 Titolo Central Park
Autore  - Guillame Musso
Traduttore -  Sergio Arecco
N° pagine - 295
Anno di  pubblicazione - 2015
Editore –  Bompiani
ISBN-13:   978-8845280375

RECENSIONE
Ho affrontato questa lettura perché si trattava di uno dei "libri sparpagliati", cioè dei libri messi a disposizione da lettrici/blogger per farli viaggiare per l'Italia, secondo un ordine prestabilito in fase di prenotazione, una sorta di lettura condivisa, durante la quale ogni lettore può esprimere la propria opinione attraverso commenti scritti a matita o su post-it durante i vari passaggi del libro.
Devo dire che avevo voglia di leggere questo libro fin da quando ne ho letto la recensione sul blog  La Biblioteca di Eliza, che ringrazio per averlo messo a disposizione, e non ha deluso le mie aspettative.
Si tratta di un thriller atipico: inizia con una situazione da thriller classico, con i due protagonisti che si risvegliano su una panchina in mezzo a Central Park, ammanettati tra di loro; nessuno dei due ricorda come ci è finito e nessuno dei due si trovava a New York la sera prima: Alice, capitano della polizia francese, era sugli Champs-Elysées a far festa con alcune amiche e Gabriel, pianista jazz, era in un club a Dublino per un concerto.
La vicenda continua tra fughe, inseguimenti, furti, con una sequenza di colpi di scena tipici di un thriller. Quindi ora vi starete chiedendo: perché atipico? Perchè...ve lo spiego dopo!
La narrazione alterna agli avvenimenti presenti dei flashback di Alice, della sua vita segnata da un avvenimento doloroso che non ha ancora superato.
Alice aveva trovato la sua anima gemella e la sua vita era perfetta

"Nell'esistenza ci sono rari momenti in cui si apre una porta e in cui la vita ci regala un incontro inatteso. Quello con l'essere complementare che ci accetta così come siamo, che ci prende nella nostra interezza, che indovina e accetta le nostre contraddizioni, le nostre paure, i nostri risentimenti, la nostra collera, il torrente di fango nero che cola nella nostra testa. E che ci placa. L'incontro con colui che ci tende uno specchio nel quale non abbiamo più paura di guardarci"

Alice aveva tutto questo. Ma uno stupido errore di valutazione le ha fatto perdere questo e molto altro.
Tutto mi ha divertita di questa lettura: il leggere i pensieri delle altre lettrici passate prima di me, come se fossi in una sorta di "club del libro",  il dare della cretina ad Alice (scrivendolo a margine, eh!), il dare dell'idiota a Gabriel, salvo poi rivalutarlo alla luce del colpo di scena finale.
Ed ecco spiegato il perché ho parlato di thriller atipico: la conclusione ha fatto crollare tutte le ipotesi che avevo formulato e ribaltato completamente tutto il quadro della situazione, con un colpo di scena che mi ha decisamente spiazzata e che poco ha del thriller.
Musso ha uno stile che sa prendere il lettore e portarlo dove vuole lui, anche se per i miei gusti è un po' troppo descrittivo con paesaggi, odori e sapori, tanto che a tratti mi pareva di leggere una guida del Gambero Rosso! Effetto collaterale di questa lettura con dovizia di particolari gastronomici è stato un costante languorino che mi ha fatto mettere su almeno un chilo!
In conclusione, una nota parecchio dolente: la traduzione non proprio eccelsa e una profusione di refusi che mi hanno reso la lettura spesso fastidiosa.

VOTO




CONVERSATION

21 commenti:

  1. Letto anche io! Mi è piaciuto molto, però concordo sulla traduzione.. non proprio il massimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente la traduzione è proprio ben lontana dal massimo!
      Però lo stile di Musso mi piace parecchio.
      Bacioni Lidia,
      Stefi

      Elimina
  2. Letto anche io! Mi è piaciuto molto, però concordo sulla traduzione.. non proprio il massimo!!

    RispondiElimina
  3. Ciao ragazze, complimenti per la nuova grafica! Mi piace molto! Anche io quest'estate ho letto Central Park e devo dire che concordo con quello che dite. Un thriller atipico, che spiazza, perché ribalta continuamente le teorie del lettore. E con un finale che non mi aspettavo, decisamente!
    A presto
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, grazie!
      Ci stiamo ancora ambientando anche noi ;)
      Come dicevo anche in risposta a Lidia, lo stile di Musso mi è piaciuto parecchio.
      Baci, Stefi

      Elimina
  4. Ohhh Salve! Ma guarda un po', c'è una grafica nuova, molto professional. Ci sto lavorando anche io da parecchio (in realtà non io, una mia amica grafica, ma lo fa nei ritagli di tempo, quindi la situazione si allungata parecchio). Brave, mi piace molto! Ma veniamo a Central Park, io non conoscevo Musso, ho scoperto i suoi libri grazie ad un film "L'uomo che credeva di non avere più tempo", poi è arrivato lo sparpagliato e sto iniziando ad apprezzarlo. Concordo pienamente, i refusi abbondano e gli errori di traduzione anche. Però la trama mi piace! A presto e un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Baba! Nemmeno io conoscevo Musso, ma conto prima o poi di recuperare qualcos'altro, sperando in una traduzione meno impietosa.
      Sono contenta che la grafica piaccia, una spolverata ci voleva e dobbiamo ringraziare la premiata Ditta Laura & Laura che ci ha dato una grossa mano!
      Aspetto di vedere la tua!
      Baci, Stefi

      Elimina
  5. Io invece sono tra quelle che non ha apprezzato, però sono contenta se i commenti precedenti vi hanno fatte ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli sparpagliati non hanno avuto gran successo per i contenuti, ma i commenti sono spettacolari! A me, per fortuna,questo è piaciuto.

      Elimina
  6. Oh, che bella grafica professionale! mi gusta mucho. Per il romanzo non so, io e Musso non è che proprio ci amiamo. Magari più avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tessa, grazie!
      Se Musso non è il tuo tipo, lascia andare, che le alternative fortunatamente non mancano.
      Un abbraccio, Stefi

      Elimina
  7. Uh Musso! Fantastico io l'ho trovato particolare e anche se forza la mano sono godibili sia la storia che lo stile, in più racchiude temi diversi e importanti. Felice che ti sia piaciuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno scrittore veramente particolare. Il suo forzare la mano non mi dispiace per niente.
      Bacio, Stefi

      Elimina
  8. Ciao Stefania! É un libro che attendo di leggere da molto tempo... Spero che la sua ora stia per arrivare!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo affronterai, preparati ad un certo fastidio per i millemila refusi...ma la storia, secondo me, è molto godibile.
      Facci sapere

      Elimina
  9. Oh bello il mio libricino che è arrivato anche a te! Io non vedo l'ora di riaverlo per potermi beare di tutti i commenti, i biglietti, gli insulti ad Alice.... Si non vedo l'ora!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che spasso! In effetti leggere le annotazioni (è scriverle) è stato un valore aggiunto alla lettura. Alice e Gabriel sono stati (giustamente, direi) alquanto bistrattati!
      Buon divertimento ;)

      Elimina
  10. ehm però l'epilogo? Ha fatto crollare la stima costruita sul colpo di scena finale... e poi solo una cosa: tascapane! Ihihihi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, l'epilogo... per me è stato un ni, anche se la botta del colpo di scena finale è stata talmente forte da compensare. Il tascapane...grrrrrr! Ci metterei dentro il traduttore, e via! Senna o Hudson va bene uguale

      Elimina
  11. Ciao! Bellissima recensione! Ti ho lasciato il follow!
    Passa da me se ti va ^_^
    ilrumore-dellepagine.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Martina! Sono passata da te e ti ho lasciato il follow! Bell'angolino, complimenti!
      Stefi

      Elimina

Back
to top