La lettrice scomparsa - Fabio Stassi

Trama: Nella soffitta di un palazzo di via Merulana, a Roma, è arrivato un nuovo inquilino. Si chiama Vincenzo Corso, detto Vince, per vent’anni è stato prigioniero delle graduatorie della scuola secondaria superiore, insegnamento delle materie letterarie. È nato a Nizza dall’amore di una notte tra una cameriera italiana e uno sconosciuto che nel corso del tempo è rimasto tale, un fantasma a cui mandare ogni tanto una cartolina senza destinatario. Un settembre si ritrova per strada. Nessun incarico di docenza, una relazione sentimentale conclusa da poco, l’amarezza del fallimento che suggerisce una fuga. Ma quando un’anziana ed energica signora gli affitta per due mesi la soffitta di via Merulana, Vince tenta l’ultima scommessa con se stesso: grazie all’esperienza su una rivista femminile, dove risponde alle lettere delle lettrici che cercano rimedi letterari per i loro disagi, aprirà uno studio di biblioterapia. Curerà le persone attraverso la lettura di libri, somministrando Jorge Amado a chi vuole ingrassare, Hemingway a chi non sopporta i propri capelli, Il mare non bagna Napoli di Anna Maria Ortese a chi ha problemi di vista. Tra gli inquilini del palazzo c’è una signora anziana che vive al piano di sotto con il marito e un cane. Due incontri in tutto, sul pianerottolo, mentre lei trasporta le buste della spesa. La signora Parodi di lì a poco scomparirà nel nulla. E i sospetti saranno tutti sul marito, taciturno e scontroso. Eppure per Vince Corso, qualcosa non torna. Il nuovo romanzo di Fabio Stassi si situa nell’enigmatico crocevia dove i mondi inventati della letteratura invadono lo spazio reale della vita. È qui che i libri, i romanzi, la poesia, finiscono di essere pagine e inchiostro e sembrano diventare tutt’altro: medicamenti, terapie per i malanni dell’esistenza, e persino strumenti di indagine nell’oscurità di un delitto. 

Titolo: La lettrice scomparsa
Autore: Fabio Stassi
Casa Editrice: Sellerio
Pagine: 273
Anno edizione: 2016

RECENSIONE: Un libro la cui cifra è la malinconia. Il protagonista Vince Corso è un uomo triste e rassegnato che si gioca come ultima carta l'apertura di uno studio di biblioterapia, non credendoci lui per primo. Professore precario, attualmente disoccupato, non saprebbe davvero che altro fare. La sua vita lavorativa e quella sentimentale sono andate avanti di pari passo ugualmente deludenti e ora un cambiamento è necessario.
Sotto i suoi occhi disincantati, ma attenti sfilano una serie di donne con delle storie a volte tristi, a volte quotidiane. All'improvviso una vicina di casa scompare e se sia un atto volontario o meno resta un mistero. Dopo questa scomparsa il protagonista inizierà la sua personale indagine, partendo da una lista di libri letti dalla donna. La soluzione del giallo mi è sembrata forzata, ma non ha reso per niente meno piacevole la lettura.
Alla base di tutto un'idea intrigante: possono i libri aiutarci a superare i problemi, possono indicarci la via? Possono svelare esattamente chi siamo?
Se fosse possibile consiglierei un pizzico di Fannie Flagg per ritrovare il calore nei rapporti umani, dosi consistenti di Fabio Genovesi per fortificare l'autoironia, pillole giornaliere di Jonathan Coe per cogliere la meraviglia dei giorni che passano...E Marone, Jane Austen, Brizzi, Giordano, Haruf e altri e altri ancora.
Eppure il mio lavoro quotidiano mi dice con chiarezza che il libro è importante, ma il segreto della biblioterapia è uno solo: l'ascolto.
Queste donne che si presentano da Vince alla fine chiedono non tanto il titolo di un libro, ma di essere ascoltate. Se ne vanno soddisfatte o meno per il grado di empatia che Vince ha saputo dimostrare. E i libri da lui consigliati? Sapremo mai se hanno raggiontol'obiettivo? Potremo scoprirlo solo provando in prima persona, grazie ai consigli di lettura di Vince che si trovano in fondo al romanzo. 
Il libro mi è piaciuto e a tratti mi ha stregata in senso ipnotico, con considerazioni che si attorcigliavano l'una sull'altra fino a perdere di senso. Capisco che qualche lettore potrebbe trovare la lettura ostica, i temi quasi autoreferenziali o inseriti per compiacere i pochi che possono vantarsi di conoscerli. Personalmente sono caduta nella rete dei libri che mi portano da altri libri, che mi parlano di libri, che mi fanno ammalare per il desiderio di leggere libri. Potrei scrivere una cartolina come quelle di Vince, senza mittente, con una frase: non voglio guarire.

Aspetto con piacere la sua prossima avventura.


CONVERSATION

28 commenti:

  1. Già sai quale piacevole scoperta sia stata per me questa Lettrice Scomparsa. Aspettiamo insieme il prossimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so e condivido il tuo punto di vista. Dobbiamo leggere i libri della lista di Vince ;-)
      Lea

      Elimina
  2. ciao Lea, adoro leggere le tue recensioni, mi incanti sempre. Questo libro però so già che non fa per me, troppa malinconia e poca speranza mi mettono troppo di cattivo umore e non riesco ad apprezzarlo in pieno. Mi accontento delle tue parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima Chiara! La malinconia a volte è dolce e stimola la riflessione. Magari più avanti e armata di una stecca di cioccolato fondente???
      Lea

      Elimina
  3. Ciao Lea, un romanzo nel quale mi sono imbattuta durante la mia vacanza ma che non ho preso in considerazione perché troppo malinconico. Con la tua recensione me ne dai conferma per cui, almeno per ora, lo lascio in libreria :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu come Chiara temi la malinconia???? Proprio un peccato perché il libro è intrigante. Chissà che un giorno non cada dalla libreria e poi chissà.
      Lea

      Elimina
  4. Senti, mi sto rendendo conto di una cosa molto deleteria per la mia WL: ogni volta che leggo le tue recensioni mi viene voglia di procurarmi quello che hai recensito. E magari poi la recensione è meglio del romanzo. Come facciamo? ;) (è un difetto che ha anche Mr Ink, sei in buona compagnia).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tessa!! Faccio i salti in alto se mi scrivi queste cose. Ma dai...allunga la lista all' infinito. Non costa (quasi) nulla.
      Ciao :-)
      Lea

      Elimina
  5. Ciao Lea! Questo romanzo mi è stato consigliato da una mia amica ma non avendo letto la sinossi non pensavo fosse così "interessante", alla fine la mia scelta è caduta su Manzini, ma lo segno. Mi piacciono i libri che parlano di altri libri. Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sfida tra Rocco e Vince è molto interessante. Due uomini per i quali le donne possono perdere la testa...e infatti sono personaggi letterari.
      Sono curiosa di conoscere la tua opinione.
      Un saluto da Lea

      Elimina
  6. Basta, non vi leggo più!
    Ogni volta cado nello sconforto di tutti i libri che mi perdo.

    Per fortuna qui rimane tutto nero su bianco, e prima o poi mi prenderò del tempo per recuperare.

    Ciao Lea

    (La socia la saluto io ;) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo commento, per i motivi che conosci, ha reso allegro il mio pomeriggio.
      È sempre un piacere leggeri e non cadere nello sconforto : possiamo prestarti tutti i libri che desideri recuperare.
      Salutami la socia con un bacione.
      Lea

      Elimina
  7. Oddio! C'è Ivano quassù... che emozione! Vabbè, io e te di questo libro ne abbiamo già parlato e anche della recensione. Facciamo che stavolta il titolo non me lo segno, che altrimenti smetto pure di respirare e non posso, che poi Laura 2.0 si arrabbia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure, sfidando la possibile rabbia di Laura, io di questo libro ne riparlerei. Che dici?
      Bacio

      Elimina
  8. Stassi è uno di quelli che voglio leggere da sempre.
    Charlot ha la priorità, ma anche questo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrà dire che mi gustero' la bellissima recensione che scriverai. Io aspetto.
      Lea

      Elimina
  9. Belli i libri che parlano di altri libri,interessante questo Vince!belle le vostre recensioni!lo leggerò ;-)

    RispondiElimina
  10. Belli i libri che parlano di altri libri,interessante questo Vince!belle le vostre recensioni!lo leggerò ;-)

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Belli i libri che parlano di altri libri,interessante questo Vince!belle le vostre recensioni!lo leggerò ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Stefy. Vince è proprio interessante. Fammi sapere dopo la lettura: confrontarsi è sempre molto utile.
      Un saluto da Lea

      Elimina
  13. Inutile dire che sono profondamente attratta da questo libro...la biblioterapia, mi sento terribilmente fortunata ad avere te come "biblioterapeuta" il tuo gusto in quanto ai libri è indiscutibile, come il tuo stile delicato nel consigliarli.
    Acquisto sicuro questo!
    Ps. Lea, ti auguro di non guarire!
    Un abbraccione Frà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cuore, i tuoi commenti mi rasserenano la giornata. Mi pare di trovare un mio centro anche quando le cose vanno storte.
      Potere dei libri e delle persone sensibili.
      Grazie.
      Notte da Lea

      Elimina
    2. Finalmente La lettrice scomparsa è tra le mie mani Lea e io saltello gioisa!!! Smack ti farò sapere :-)

      Elimina
    3. Attendo con molto interesse il tuo parere!

      Elimina
  14. ancora una recensione positiva per questo romanzo. oltre ad averlo segnato nella lista dei desideri devo anche trovare il modo di leggerlo! :)
    ciao Lea a presto
    Chicca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chicca! Un libro intrigante, uno scrittore molto colto, raffinato.
      Grazie di essere passata.
      un saluto

      Elimina
  15. Preso lunedì in biblioteca.
    Lo inizio subito o non lo inizio subito? :)

    RispondiElimina

Back
to top