Il patto - Jodi Picoult









TitoloIl patto
Autore – Jodi Picoult
Titolo originale - The Pact
Traduttore - Isabella Polli
N° pagine - 572
Data pubblicazione - 19 gennaio 2016
EditoreHarperCollins Italia 
SBN-13:  978-8869050565





TRAMA
Fino a quella telefonata alle tre del mattino di una giornata di novembre, i Gold e i loro vicini di casa, gli Harte, sono sempre stati inseparabili. Per ben diciotto anni. Non è stata una sorpresa per nessuno, dunque, quando i loro figli adolescenti, Chris ed Emily, da semplici amici sono diventati qualcosa di più. Ma adesso la diciassettenne Emily è morta - uccisa da un colpo di pistola alla testa sparatole da Chris, in un apparente patto suicida lasciando le due famiglie devastate e alla disperata ricerca di risposte su un gesto inimmaginabile, di due figli che forse non conoscevano bene come credevano. È rimasta una sola pallottola nella pistola che Chris ha preso dall'armadio del padre, una pallottola che secondo la sua versione era destinata a se stesso. Cos'è successo veramente? Un detective della polizia del luogo nutre più di un dubbio sul patto suicida descritto dal ragazzo e inizia un'indagine.

RECENSIONE
Inizio a raccontarvi questo libro con una premessa: io ADORO questa scrittrice. Ho letto praticamente tutti i suoi libri, tranne “Il colore della neve” e nessuno mi ha delusa. Il suo stile è inconfondibile: ogni sua storia tratta temi pesanti e dolorosi, ma la sua peculiarità sta nel dare al lettore varie chiavi di lettura. Il lettore potrà quindi decidere in piena autonomia “da che parte stare” perché scoprirà la vicenda dal punto di vista di tutte le persone coinvolte e di ognuna conoscerà pensieri, emozioni e verità. Nei suoi libri c’è sempre una verità di fondo, ma si conoscono tante verità quanti sono i personaggi.
In questo libro Jodi Picoult ci conduce attraverso la vicenda facendoci percorrere due strade parallele: quella dei fatti di “ora” e quella dei fatti di “allora”, finchè le due strade convergeranno e l’”allora” della fine coinciderà con l’”ora” dell’inizio. Entreremo nelle vite di due ragazzi e delle loro famiglie.
Chris ed Emily si conoscono già prima di nascere, perché i “pancioni” delle rispettive mamme trascorrono giornate intere fianco a fianco, crescono poi insieme creandosi un universo esclusivo, nel quale nessuno è ammesso: giocano, imparano, ridono, piangono in totale simbiosi, tanto che quando uno dei due si fa male, l’altro sente il suo stesso dolore.
E crescono.
Fino a diventare adolescenti alle prese con i primi scossoni ormonali. La profonda conoscenza reciproca li porta a desiderare di completarsi come due metà di una mela, come uomo e donna.

“Lei mi apparteneva. Lei era tutto ciò che non ero io. E io ero quello che lei non era. La sua mano entrava perfettamente nella mia.”

Sono molto più di una coppia di fidanzatini, perché sperimentano da sempre l’amore più vero e completo, quello che ti fa mettere i desideri dell’altro davanti a tutto e tutti.

“Quando ami qualcuno le sue necessità sono più importanti delle tue. Non importa quanto siano inconcepibili quelle necessità, quanto siano assurde, non importa se ti fanno sentire come se ti stessi strappando il cuore dal petto.”

Tutto sembra perfetto, ma qualcosa interviene nella vita di Emily che crea una minuscola crepa nel loro rapporto, perché si tratta di qualcosa che Emily non racconterà a nessuno, nemmeno al suo Chris. Questa crepa è destinata ad allargarsi sempre di più fino a far crollare tutto e culminare con la morte di Emily.
Il romanzo inizia proprio in questo momento, con una telefonata che raggiunge le famiglie dei due ragazzi e le mette al corrente che è successa una tragedia: Emily è agonizzante a causa di un colpo di pistola alla testa e Chris giace svenuto e sanguinante accanto a lei.
Cosa è successo quella sera? Emily si è suicidata? O è stato Chris a porre fine alla sua vita? E se si è suicidata, perché Chris era con lei? Ha tentato di fermarla?
A questi interrogativi ognuno risponde a modo suo. I genitori di Chris sostengono la tesi del suicidio, i genitori di Emily sono spaccati in due: la madre sposa la tesi dell'omicidio, mentre il padre non riesce a capacitarsene, perché Chris per lui è come un figlio. Tentano di dare la loro risposta anche gli altri personaggi che ruotano attorno a questa vicenda: l’avvocato difensore che porta avanti la tesi del suicidio di coppia, la detective alla quale viene affidato il caso, l’insegnante di arte della scuola che i ragazzi frequentavano, medici, psicologi, ecc.
Ma la verità su quanto è successo quella sera, è solo una e Chris vorrebbe gridarla al mondo, perché peserebbe meno sulle sue spalle e sul suo cuore, ma nessuno vuole ascoltarlo, nessuno vuole sapere, perché la verità costringerebbe ognuno a fare i conti con la propria coscienza.
La verità rende liberi? Jodi risponde a questa domanda, ma solo all’ultimo capitolo. A voi scoprirlo.

Buona lettura, Stefania  

VOTO



Postilla: Quando leggo libri che trattano disagi adolescenziali, non riesco a non leggerli con gli occhi di una mamma, spaventata da quanto le potrebbe riservare il futuro, e con temi come il suicidio (tra l’altro è il secondo libro di fila, mannaggia a me!) la domanda che mi sale in gola è sempre la stessa: “Come si riesce a capire che un figlio sta attraversando un periodo difficile o, peggio, che sta pensando ad una soluzione drastica?”. La risposta che mi do, purtroppo, è sempre la stessa: “Non si può”: se tuo figlio decide di non fartelo capire, di non raccontarsi e di non coinvolgerti, per non farti soffrire, per paura o per qualsiasi altro motivo, nulla si può fare. L’augurio che mi faccio è di riuscire a tenere aperto il canale della comunicazione e cercare di affrontare con mia figlia tutte le domande, belle, brutte, difficili o meno, con la massima sincerità.

CONVERSATION

26 commenti:

  1. Questo libro voglio leggerlo da quando è uscito! La tua recensione me lo conferma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dany!
      Credo sia proprio un romanzo che ti piacerà!
      Buona lettura, Stefi

      Elimina
  2. Questo libro mi incuriosisce parecchio, ma il tempo dove lo trovo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova a vedere dentro al frigo! Magari un po' di tempo che avanzava l'hai ficcato là dentro, per non farlo sciupare.
      Che aspetti? Corri a leggerlo!
      Baci da Bacci

      Elimina
  3. Mi intriga la tua recensione! Ci faccio un pensierino :)

    RispondiElimina
  4. Buongiorno!
    Mai letto niente della Picoult, ma leggo solo recensioni positive dei suoi libri! E questa tua mi piace particolarmente, anche se la trama del libro mi dà un po' d'ansia...

    RispondiElimina
  5. Ciao Eva!
    Quello che io amo di questa scrittrice è il far vedere la vicenda narrata con tanti occhi e sondare l'animo di chi agisce e di chi subisce. I temi sono sempre forti e mai facili da affrontare, ma secondo me, ne vale la pena!

    RispondiElimina
  6. Sono sempre quella che la Picoult la vuole recuperare! :D
    Bellissima recensione Stefania. Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna!
      Recuperala, vedrai che non te ne pentirai ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. Ciao!!!
    Senza farlo apposta questa lettura è proprio tra le prossime che devo leggere!
    ho già letto un'altro dei suoi libri e posso dire che adoro proprio la Picoult!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erin!
      Anche tu sei stata conquistata da Jodi. Sono certa che apprezzerai anche questa storia.
      Bacioni

      Elimina
  8. la postilla è sincera, umana e sensata...
    la trama ispira, nulla da obiettare

    RispondiElimina
  9. Penso proprio che lo leggerò socia, mi hai convinta. Baci lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di averti trasmesso le sensazioni giuste.
      Baci socia

      Elimina
  10. Sai che avrei potuto scrivere io questa recensione (magari con meno proprietà di linguaggio ;-) )?
    Perchè ciò che hai scritto su questa autrice e i suoi libri è esattamente quello che ho sempre pensato anche io, compresa la tua postilla finale. Questa storia ancora mi manca, ma colmerò presto la lacuna. Grazie per avermelo già fatto amare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per le belle parole!
      Sono certa che amerai Chris ed Emily e che non riuscirai a non soffrire con loro.
      Baci Chiara

      Elimina
  11. cara Bacci, come sai ho letto questo libro e mi ha stregata. La Picoult mi piace nonostante abbia letto poco, troppo poco ancora. Già, la verità rende liberi? Quando ho terminato la lettura sono rimasta sola con me stessa e con tutti i miei dubbi, le mie frustrazioni e un vuoto. L'ho donato alla biblioteca, ma credo che lo comprerò. un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Salvia!
      Come sai io amo molto questa scrittrice proprio per gli interrogativi che mi suscita e per i dubbi che solleva: ogni volta mi viene da chiedermi cosa avrei fatto nella stessa situazione, come avrei affrontato la questione. E credo che la sua capacità di scuotere gli animi sia il suo maggior pregio.
      Bacioni

      Elimina
  12. Non ho mai letto nulla della Picoult ma il suo ultimo libro che uscirà a fine mese mi incuriosisce tanto, hai detto che la adori e che il suo stile è inconfondibile, mi hai convinta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nunzia e grazie di essere passata di qua.
      Non posso che consigliarti vivamente di leggere la Picoult, vedrai che non ti deluderà. Poi fammi sapere ;)

      Elimina
  13. Stè io conosco la Picolut solo da un film immensamente bello che ho visto parecchio tempo fa...La custode di mia sorella. Ho acquistato questo libro subito appena uscito, ne ho letto pareri positivi compreso il tuo incisivo e convincente. Mi sembra di sentire una vicina che sussurra al mio orecchio: "Che diamine aspetti?!?" Ti farò sapere se la amerò o no ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella vocina è la mia: "Su, su, a leggere la Picoult, forza!".
      La custode di mia sorella...prima ho letto il libro e poi guardato il film: con il dvd in mano, prima di inserirlo nel lettore, già piangevo. Se vorrai leggere anche questo, ti avviso però che, oltre alla caratterizzazione di alcuni personaggi, il finale del libro è diverso da quello del film, scioccante...ho solleticato la tua curiosità?
      Ciao Cuore!

      Elimina

Back
to top